TUTTI VOGLIONO JOE JOHNSON

TUTTI VOGLIONO JOE JOHNSON

postato in: Analisi, Mercato, NBA, News | 0

Effettivamente, non aveva più molto senso proseguire il matrimonio tra Nets e JJ. Il suo stipendio troppo oneroso, i suoi 34 anni troppo “pesanti” da gestire per una franchigia che disperatamente cerca di rifondare. Joe Johnson voleva un prolungamento del contratto, ma il nuovo gm Sean Marks ha preferito prendere un’altra strada.

Un tiratore forte ed esperto come lui può far comodo a parecchie squadre che affronteranno i playoff. Adesso che è free agent e può firmare il vereran minimum, ci sono almeno 7 pretendenti per il giocatore: quale la migliore?


OKLAHOMA CITY THUNDER

okcDifficile immaginare un 3° violino migliore di questo. Dai tempi dell’addio del barba, OKC cerca disperatamente un tiratore da affiancare al dynamic duo Wes-KD. Andre Roberson e Dion Waiters sono sempre in attesa del definitivo salto di qualità, per ora sotto gli standard per una pretendente al titolo. Joe è quello che fa al caso loro. Sia offensivamente che difensivamente.

Ed inoltre Okc è una contender quest’annno.

Il quintetto Russell Westbrook, Cameron Payne, Joe Johnson, Kevin Durantand, Serge Ibaka come fisicità incute timore. Ma soprattutto regala a coach Donovan parecchie soluzioni diverse, all’insegna dello small ball.


CLEVELAND CAVALIERS

cavsAbbiamo anticipato che i Cavs hanno provato già a prendere JJ durante gli ultimi giorni di mercato. Inutile dire che satebbe perfetto come tiratore sul perimetro per gli scarichi di LBJ. Inoltre aiuterebbe molto difensivamente la squadra, soprattutto LBJ con giocatori perimetrali di stazza grossa.

Il problema è che i Cavs hanno gi preso Frye, e bisogna capire quanto vogliano limitarne l’utilizzo per far giocare JJ. Una scelta piuttosto facile a mio avviso…


BOSTON CELTICS

bosUna destinazione molto suggestiva. I Celtics hanno una squadra molto interessante nonostante il processo di rifondazione sia totalmente in divenire. Joe Johnson è capace di crearsi tiri dal nulla, ed a parte Isaiah Thomas non c’è nessuno che sia in grado di costruirseli, specialmente in ottica playoff.

Potrebbe inoltre essere un’ottima “chioccia” per i giovani Cs’.

Il posto in rosa inoltre è stato appena liberato dal taglio di Lee.


TORONTO RAPTORS

raptorsAltra squadra che sta ben figurando e potrebbe essere una spina nel fianco nei playoff sono i Raptors di DeRozan e Lowry. Joe Johnson andrebbe a coprire -salvo poi alternarsi- lo spazio lasciato libero da DeMarre Carroll, vittima di un infortunio che potrebbe tenerlo fuori addirittura anche dai playoff.

Lo spot di Ala sarebbe più che degnamente coperto, inoltre un tiratore purissimo farebbe comodo sugli scarichi generati dalle penetrazioni di DeRozan o quando la difesa collassa su Valanciunas.


ATLANTA HAWKS

atlI “ritorni a casa” non sempre sono ben visti, ma l’ipotesi è affascinante ed anche probabile.

Il sistema di Atlanta potrebbe essere perfetto per il gioco di JJ, e JJ potrebbe essere perfetto per loro. Anche se avevamo anticipato che gli Hawks sono in fase di ricostruzione, durante la sessione di mercato nessun big player ha lasciato Atlanta… quindi, stando in ballo, perchè non ballare?

Tanto movimento di palla Joe non lo vede dai tempi di Phoenix.


MIAMI HEAT

miaMiami da inizio anno ha un disperato bisogno di tiratori. Joe Johnson andrebbe a prendere il posto di Green, sicuramente più esplosivo di lui, ma senza la capacità di lettura difensiva e offensiva dell’ex Nets.

Joe Johnson serve ancor più di prima, considerando l’infortunio di Bosh, realisticamente out-for-season. Questo potrebbe risultare anche un deterrente per JJ, considerando che Miami non sarà una contender dopo l’infortunio del lungo “dinosauroso” (è stato più forte di me, chiedo scusa).


HOUSTON ROCKETS

rocketsA Houston non si capisce più nulla.

Inutile descrivere i benefici dovuti alla firma di Johnson. Basti pensare il quintetto formato da Beverley-Harden-Johnson-Ariza-Howard. Niente male.

Il problema dei Rockets è strutturale, e non sarà certo l’eventuale acquisto di JJ a cambiare le cose. Finchè rimarrano tutti questi problemi interni, difficilmente la squadra sarà una contender.


Concludendo, a mio avviso Joe Johnson è in cerca/ha bisogno di una squadra che competa seriamente al titolo. A 34 anni le chance di raggiungere l’anello si riducono, ma firmando un contratto “normale” ed accettando un ruolo da role-player, riducendo la quantità di situazioni palla in mano, potrebbe essere l’ago della bilancia in una squadra già strutturata come Cleveland oppure Oklahoma CIty.

Queste due rimangono le destinazioni a mio avviso più probabili, anche se molto affascinante sarebbe l’opzione Celtics, rendendo così la squadra di Boston i veri underdogs dei playoff ad est.

 

Segui Massimo Mele:

Ingegnere

Ingegnere, emigrato, fondatore, giocatore. Ha imparato prima a stoppare che ad usare i congiuntivi a scuola.

Ultimi messaggi

Commenta l'articolo