ITALIA: E’ GIA’ NOTTE FONDA?

ITALIA: E’ GIA’ NOTTE FONDA?

postato in: Eurobasket, Italia, Mondo | 0

It’s not dark yet, but it’s getting there…“. Quel sommo artista di Bob Dylan, la riassumerebbe così. Ovvero, non è ancora notte fonda, ma ci siamo quasi.
L’Italia che esce sconfitta dal confronto diretto con la Turchia, ha le ossa rotte di chi ha appena partecipato ad una Rissa Reale con Hulk Hogan e Andre The Giant. L’unico ingegno medico in grado di alleviare le ferite della disfatta in terra tedesca, è la vittoria, necessaria ma non sufficiente (non ancora, almeno) contro l’Islanda dell’ex Napoli e Roma Jon Stefansson, oggi.
La gara delle 17 è già un dentro o fuori. L’Italia vista ieri non può dar fastidio a Spagna e Serbia (a proposito, il buon Bjelica ha già dimostrato che i Tim’Wolves potrebbero avere in casa uno più pronto della first overall pick Towns Jr), ed è costretta a fare la corsa sulla cenerentola dei ghiacci e sui padroni di casa della Germania per passare il primo girone.
La squadra di Pianigiani si è presentata “al ballo mascherato” con un dress code inadeguato. La fisicità della Turchia, con l’ex Celtics Semih Erden a fare la voce grossa sotto le plance (e dire che negli anatolici manca Omer Asik) e una difesa sul pick&roll che non è mai decollata, si sono rivelato troppo per le amnesie degli Azzurri.

Certo,la rimonta è stata imperiosa, ma si è stoppata sul più bello. Sul libero sbagliato dall’ottimo Gallinari, l’unico in questa squadra in grado di unire cuore, tecnica e un minimo di applicazione difensiva. E sulla scellerata gestione dell’ultimo possesso utile da parte del Beli, che probabilmente pensava di essere al playground, dove se ti giochi l’ultimo tiro per trovare il compagno libero, sei uno senza palle. Per sei secondi netti, i tifosi da casa gli avranno urlato “passa quella dannata palla!”. Il resto è ormai storia vecchia.
Ora conta solo battere l’Islanda, affinchè le prossime valigie da impacchettare non siano quelle da mettere su un aereo che li riporti tutti a casa con le mani vuote. A Coach Pianigiani l’arduo compito di venire a capo di questa complicata faccenda. Ci riuscirà? Lo scopriremo presto.

Segui Sisto:

Cantastorie, guardia di porta che neanche i Ghostbusters. Barba fiera. Se non la sa una cosa lui, semplicemente non esiste.

Commenta l'articolo