L’AMARO IN BOCCA

L’AMARO IN BOCCA

postato in: Eurobasket, Italia, Mondo | 0

-Se il Gallo non si tagliava era 2/2 e testa alla Serbia.

-Gentile perché vai in quell’angolo?!?!

-Eh ma questi non sbagliano mai!!!!!

Tutto vero, chi ieri guardando la partita non ha fatto commenti del genere. Come è vero che la Lituania ha fatto la partita perfetta… ma il loro merito viene anche dalle nostre colpe. Spiego il perché.

italia vs lituaniaNon è un caso che abbiano tirato così…. noi abbiamo di sicuro più talento, ma loro sono più organizzati, in difesa (ci vuole poco) ma, soprattutto, in attacco. Ammirevole la loro circolazione e i compiti che ogni singolo giocatore svolgeva alla perfezione, senza uscire dal proprio ruolo in squadra.

Il dato che più salta all’occhio è la clamorosa percentuale da 3 punti che hanno avuto, ma il più importante per analizzare la gara è quello degli assist: 28 a 16 per loro. Significa che la palla si muoveva bene e che i tiri erano puliti. Bravi loro, ma complici noi. Se hanno tirato con il 61% da 3 è perché tiravano da SOLI e piedi a terra, perché come al solito non abbiamo saputo difendere il pick&roll, e per arginare Valanciunas (11/13 dal campo, 84.6%) collassavamo in area lasciando scoperto il perimetro. Un play fenomenale e completo come Kalnietis (14p 11a) trovava sistematicamente il tiratore libero e poi… beh sono sempre Lituani!

Belinelli ha giocato la peggiore partita per me, non per i tiri ma per la difesa: lasciava sempre la penetrazione al suo uomo, senza che la Lituania effettuasse nemmeno un ribaltamento… ci puoi fare poco poi, soprattutto noi con i nostri lilimiti difensivi. Commovente Bargnani (21p), su una gamba sola contro critiche e contro i suoi limiti. In difesa ha sofferto Valanciunas (26p e 15r) in stato di grazia, ma ha difeso ai livelli di Cusin.

Nonostante il nervosismo di Gentile, un Gallo “sottotono” e tutti gli errori commessi -non sfruttare per 8′ il bonus nel 2° quarto è delittuoso, avendo i migliori tiratori di liberi del torneo- siamo arrivati comunque all’overtime. Perchè il talento in attacco non è in discussione, e perchè la second unit fatta da Aradori, Cusin, Melli è stata fantastica nel dare l’apporto giusto dalla panchina.

Alla fine dei conti questa è stata un’occasione buttata, come ha detto Gallinari dopo il match. I ragazzi tutto sommato hanno giocato bene, il dado era stretto, bastavano due giri di più di chiave. Sia chiaro, potevamo arrivare nelle prime 4, ma non più di quello. La missione “europea” non è stata un fallimento, anzi, ma resta l’amaro in bocca…

Segui Massimo Mele:

Ingegnere

Ingegnere, emigrato, fondatore, giocatore. Ha imparato prima a stoppare che ad usare i congiuntivi a scuola.

Ultimi messaggi

Commenta l'articolo