AGGIORNAMELE FANTASY NBA: Power Ranking Ignorante (2/4)

AGGIORNAMELE FANTASY NBA: Power Ranking Ignorante (2/4)

postato in: Fantasy | 0

Riprendiamo la presentazione dei partecipanti a questo pazzo Fantasy. Tra paturnie ed ingiurie, ecco a voi le squadre con la scelta dalla 5 alla 8, eccovi il Power Ranking del FantaNBA di AggiornaMele. Enjoy!

Vedi parte 1 : Power Ranking Ignorante (1/4)


California Freselle

Andrea Bugno & Luca Sisto
bugno
Bugno
sisto
Sisto

Continua l’indissolubile sodalizio fra Bugno&Sisto, dopo l’ottima prestazione dello scorso fantasy. Quest’anno il duo senza mezzi termini sembra avere una sola cosa in testa (oltre alla mutanda) la vittoria, e hanno deciso di partire col botto puntando su LBJ al primo giro. Un giocatore da loro sempre “amato” ma con la chiamata numero 5 e con il king ancora libero, era un follia non prenderlo: il gatto e la volpe non ci hanno pensato su due volte, anche se Kobe li ha sconfessati come fedeli, sentendosi tradito. Nel reparto P si sono affidati a  Bledsoe uno che viaggia al limite della tripla doppia, ma che potrebbe essere discontinuo. Dopo aver preso un’ala e un play decidono come da copione di puntare su una B e si affidano a Deandre Jordan, scelta giusta ma che fa discutere in quanto c’era ancora Milsappone libero e che è anche un pupillo di Bugno. Con le difficoltà nei tiri liberi l’impatto di Jordan può essere minore di quello atteso. Poco male sono subito corsi ai ripari affidandosi a Gobert una vera rivelazione della passata edizione. Completano il roster un mix tra vecchi e giovani tra gli altri da segnalare Iggy, Elfrid Payton, Lou Williams, Schroeder, Parsons, Thompson. Se Iguodala è quello delle finals, Williams continua nella sua crescita e i giovani confermano quello che di buono hanno mostrato, potrebbero essere una seria candidata alla vittoria finale… avere in squadra Lebron a questo gioco può fare la differenza e loro lo sanno, ma c’è anche il rischio che possano essere James-dipendenti e da soli in questo gioco sia reale che fantasy non si va da nessuna parte. MARPIONI!

Power Ranking 5/5

Ranking 5-5

12194408_10207273232616544_291539128_o


Vilarica Husbands

Fabrizio Amodio
fabri
F. Amodio

Dopo il furto del premio in denaro del titolo della passata edizione e la conseguente separazione da Riccio, Amodio Fabrizio ha fondato una franchigia sua per dimostrare a tutti di essere stato lui il fattore determinante la passata stagione. Dato che il suo database di giocatori è quello di NBA 2k10 subito si fionda sui giocatori “giovani” optando per Big Al Jefferson alla numero 14. Conferma il suo trend quando alla 18 decide di prendere un altro ragazzotto, Lowry, poi non si sa come -probabimente il pc è andato in crash e la scelta casuale- drafta il rookie of the year della passata stagione: Wiggins. Completano il roster sempre giovani di belle speranze, come Tyson Chandler, Josh Smith, Joe Johnson, Jamir Nelson, Rajon Rondo, mettendo in evidenza la scelta della franchigia di puntare sulla linea (sempre)verde. Nel complesso la squadra non è malissimo, ma comunque bisognerà vedere quanto reggeranno 82 partite, dato che molti giocatori hanno dai 30 anni in su. INPS!

Power Ranking 3/5

Ranking 3-5

12197487_10207273288097931_1796481995_o


Gli EuroNikings

Nicola Renzi
#hagiàvinto

Non c’è molto da dire su di lui tranne che HA GIA’ VINTO. Gli altri concorrenti partecipano solo per onor di firma, non potendo competere con il “king” del basket campano, data la sua onniscienza cestistica. Renzi ha deciso di puntare forte sulle W scegliendo un pezzo da 90 come KD, che dopo essere rimasto ai box per la maggior parte degli incontri nella scorsa stagione, l’ala di OKC ha fame di riscatto. A coaudivarlo ci sarà l’affidabilissimo Rudy Gay dei Sacramento Kings, completa il reparto Thaddeus Young. Più deboli sembrano gli altri reparti sopratutto quello dei playmaker con Trey Burke e Darren Collison, che garantiscono minuti ma che certamente non sposteranno gli equilibri. Anche i lunghi non sembrano essere il reparto migliore, con Howard, Nowitzki e Jahill Okafor. Da segnalare il “colpo” Speights soffiato a tradimento all’amico Paone, il Centro dei Warriors è stato la vera rivelazione della passata stagione. La squadra nel complesso sembra essere affidabile, ma il futuro e le ambizioni dipenderanno quasi esclusivamente da KD se lui sta bene i P.O. sono alla portata altrimenti si rischia un fallimento. MINA VAGANTE!

Power Ranking 3/5

Ranking 3-5

Renzi


Need for Sheed

Dario Paone
pao
Paone

Uno dei membri più attivi nella storia del fantasy, tanto che un suo brocardo l’anno scorso è stato il nome della lega “T cacaje mamm’t”. Oltre ad essere un maestro è anche un grande appassionato di NBA: l’anno scorso pescò dal cilindro gente che nessuno “gli avrebbe dato due lire” come Speights e O’Quinn, inoltre fu bravissimo a raggirare l’allora rookie Martino Testa, proponendo lo scambio Asik per Wade (accaparrandosi quest’ultimo). Penso che nella storia dello sport solo Cannavaro F. per Fabian Carini sia stato un pacco peggiore. Il draft di quest’anno però è stato un diverso. Paone sembra aver perso quella cazzimma che aveva l’anno scorso, probabilmente colpa della grappa -portata dal sottoscritto- che gli ha annebbiato un po’ le idee. Parte col botto scegliendo al primo giro, chiamata numero 10, uno dei migliori giocatori in termini di fantasy point, ossia Westbrook, anche se quest’anno si dovrà dividere i tiri con KD. Le chiamate successive punta su Monroe alla 23 e Love alla 40, ma è da questo momento in poi che la Cavallina Bianca comincia a produrre i suoi effetti inanellando una serie di giocatori che vedono più l’infermeria che il campo come Tyreke Evans e Tony Wroten. In un momento di lucidità riesce però a soffiare il Fidanzato a Mele (Duncan). La squadra sembra essere molto corta e senza superstar in quanto nessun uomo franchigia è presente nel roster quartaiuolo, molto debole il reparto Wings con Evan Turner punta di diamante…. e ho detto tutto. PRONTO SOCCORSO! 

Power Ranking 1/5

Ranking 1-5

need 4 sheed


Segui Alessandro Amodio:

Amante del cibo e malato di basket, dalla prima divisione all'NBA.

Commenta l'articolo